Comunicazione

SVILUPPARE IL CARISMA CON IL LINGUAGGIO DI PRECISIONE di Emanuele Maria Sacchi

Circa il 95% delle parole che usiamo sono astratte.
Questo significa, di conseguenza, che soltanto il 5% delle parole sono concrete.

Per riuscire a distinguere, in un attimo, le parole astratte da quelle concrete, è sufficiente ricorrere a una metafora, quella della… “carriola”.

Immagina una grande e capiente carriola; è molto semplice: tutto ciò che sta dentro alla carriola è concreto, tutto ciò che non ci sta è astratto. Per esempio, un bicchiere ci sta nella carriola? Certamente. Può essere di plastica o di vetro, pieno oppure vuoto, arrotondato o squadrato, tuttavia, tutte le volte che parliamo di un bicchiere, intendiamo qualcosa di oggettivamente simile. La stessa cosa potremmo dire di una valigia, di un pennarello o di una collana.

La professionalità invece, ci sta nella carriola?
Decisamente no. Professionalità è un concetto astratto; se infatti chiedessimo a dieci persone diverse, anche dieci collaboratori della stessa azienda, cosa intendono per “professionalità”, molto probabilmente otterremmo dieci definizioni differenti. La stessa cosa accadrebbe per molte altre parole tanto care alla relazione venditore-cliente, quali, per esempio, “disponibilità”, “fiducia”, “riservatezza” e “collaborazione”… Sono parole astratte, non ci stanno nella carriola! Questo è un guaio.

È la causa di incomprensioni e malintesi, nel lavoro così come nella vita privata. Che senso ha, di fronte a una persona che chiede maggiore attenzione,limitarsi a rassicurarla, se non abbiamo minimamente compreso cosa intenda, quella persona, con il termine “attenzione”?

Per esempio, supponiamo che il cliente esprima la necessità di una “comunicazione frequente” e il venditore interpreti questa richiesta come una visita una volta ogni tre mesi, ritenendola sufficiente. Invece il cliente, che si aspetta un incontro su base mensile, resta deluso.

Il linguaggio astratto, quello, per intenderci, che nella carriola non ci sta, è il linguaggio dei politici. Loro utilizzano abitualmente parole astratte come “politica del lavoro”, “trasparenza”, “solidarietà”, senza specificarne il senso esatto. Lo fanno volutamente, consapevoli del fatto che, se ci dicessero cosa intendono per solidarietà, a favore di chi e a scapito di chi altri, alcuni li appoggerebbero ma altri li ostacolerebbero, privandoli del loro voto. Invece limitandosi a belle parole astratte, è più facile ottenere un consenso generalizzato, anche a danno di una reale e profonda comprensione.

Se il linguaggio astratto per un uomo politico ha una certa ragion d’essere, peraltro deprecabile, la stessa cosa non può valere per chi, invece, si occupa di Network Marketing. I Negoziatori, i Leader, i Liberi Professionisti hanno la necessità di comprendere e di farsi comprendere. Usare soltanto termini astratti significherebbe, infatti, accettare il rischio di fraintendimenti.

Molte aziende hanno, al giorno d’oggi, dei valori condivisi. Questi valori vengono talvolta stampati su grandi manifesti, vengono ribaditi nelle convention e vengono richiamati nelle comunicazioni interne. Frequentemente, tra un’azienda e l’altra, i valori si assomigliano.

Tra i più comuni si parla spesso di “etica”, di “proattività”, di “innovazione”, di “responsabilità” e di “orientamento al cliente”. I più originali si spingono fino alla “passione” e all’“eccellenza”.

Ho una domanda, semplice, semplice: ma questi cosiddetti valori condivisi, … sono condivisi da chi? Se chiedessimo a un magazziniere, a una centralinista o a un responsabile amministrativo, quanto questi valori siano condivisi, cosa risponderebbero?
E soprattutto, questi straordinari e mirabolanti valori “condivisi”, cosa accidenti significano?

Non ci stanno nella carriola!
Che senso ha dire che la professionalità è un nostro valore, se prima non abbiamo deciso quali comportamenti concreti, specifici e magari misurabili, riteniamo essere professionali all’interno della nostra organizzazione?
Perché si continua a chiamarli condivisi, quando sarebbe molto più corretto definirli “auspicati” o “desiderati”? Non solo: ammettiamo di aver definito in modo preciso la parola “professionalità”; quanto questo valore è appagato in quella realtà?

Quanto le persone trovano riscontri concreti, quotidiani, di una professionalità diffusa a tutti i livelli? Quanto quel valore è realmente condiviso? Chi lo decide?

 

Se non ti sei ancora registrato, fallo ora cliccando su “Scarica la rivista”.

Riceverai immediatamente le prime due uscite omaggio di NM magazine e l’estratto dell’ultimo numero.

Per informazioni sugli abbonamenti (a partire da € 39,00) scrivi a info@nm-magazine.it

BLOCCA IL PREZZO SCONTATO ADESSO!

VIABUY

Qualcosa sull'autore

Emanuele Maria Sacchi

Emanuele Maria Sacchi

http://www.emanuelemariasacchi.com
É il massimo esperto europeo di CARISMA, con risultati davvero straordinari nel campo delle vendite, della leadership e della comunicazione competitiva".
Sempre più persone lo considerano il miglior formatore italiano e uno dei migliori trainer internazionali. In effetti i suoi “numeri” parlano da soli.
Grazie alla sua capacità di trasmettere emozioni e, contemporaneamente, di trasferire tecniche immediatamente applicabili, ha sempre ottenuto il miglior gradimento assoluto a tutti i contest/meeting/convegni a cui ha partecipato, sia in Italia che all’estero.
Collabora con aziende di 18 differenti Paesi ed è “BEST TRAINER” di importanti multinazionali, molte delle quali sono leader assolute di settore. Grazie ai successi ottenuti da reti commerciali da lui formate è stato l’unico relatore italiano invitato al Forum Mondiale della Negoziazione.
Ha raggiunto il punteggio più alto di sempre nella storia del MIP-Politecnico di Milano, dove ai master MBA ha insegnato Negoziazione e Leadership.
É presidente di Evolution Network (rete Europea di Consulenza di Direzione e formAzione).
É executive manager di Dale Carnegie Italia (prima società al mondo nel training & education) ed è executive coach di Lee Hecht Harrison (Leadership Consulting di New York).
É professore all’Università Carlo Cattaneo, dove insegna personal branding & public speaking.
É autore del bestseller “IL SEGRETO DEL CARISMA”.
I suoi video su YouTube hanno da tempo superato le 150.000 visualizzazioni.
Alterna momenti di estrema concretezza ad altri di profondo coinvolgimento.
Ha condotto personalmente più di 2.000 seminari e conferenze in italiano e in inglese a cui hanno partecipato, ad oggi, oltre 100.000 persone.

Lascia un commento

Clicca qui per inserire un commento

Contatore

  • 86.855 Visite

Iscriviti alla newsletter di soli articoli.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti e ricevere gli articoli appena pubblicati

COMPILA IL FORM E RICEVI SUBITO LA TUA COPIA GRATUITA

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

LE COPERTINE DI NM MAGAZINE